venerdì 17 maggio 2013

CATFIGHT & TAKOYAKI!


Bentvovati, miei cavissimi essevi infeviovi! O divevsamente elfi, come amano dive i più pvogvessisti di noi! Sono Vomualdo il magico, colui che con la magia e l'ingegno può fave pvaticamente qualunque cosa che non sia levave questo simpatico difetto di pvonuncia che mi vende così amabile! All'ultima votazione avete optato pev una sovtita! Volevate un po' d'azione? Eccovela sevvita! Enjoy!



Ferianthalas apre leggermente l'uscio e sbircia la situazione nella sala grande. Riesce a vedere tre guardie pesantemente corazzate con le insegne della Testa di Morto, il gonfalone di Mors Tua. Due sembrano orchi, il terzo puzza di zolfo lontano un chilometro.
- Ne vedo tre, ma se fuori ce ne sono altri ci saranno addosso in pochi istanti. E io ho lasciato l'arco di sopra, in camera.
- Vuoi usare l'arco qui dentro? - sbotta Bajyna - Hai la spada, no? Te la porti dietro come decorazione?
Lui s'incupisce. - Non mi piace usare la spada.
- E come conti di fare, allora? Qui dentro c'è Miss Facili Costumi, non posso usare il mio potere - dice, indicando Rowena.
- È curioso sentirmi dare della femmina di facili costumi da un'elfa nuda e volgare come te... - ringhia la succube, sdegnata.
- Questo paese è piccolo, se la locanda è davvero circondata persino quel babbeo del druido se ne sarà accorto, ormai. Se tentiamo una sortita forse non se l'aspetteranno. - insiste Bajyna, ignorando i commenti salaci della demonessa.
Lui richiude l'uscio e prende un profondo respiro. - Dimentichi ancora che la nostra roba è di sopra. Vuoi lasciarla qui e fuggire senza provviste e armi? Hai una vaga idea di dove siamo? - si volta, mentre il suo volto diventa più scuro del normale, l'equivalente del rossore per la sua razza - E rimettiti i vestiti, per favore.
Bajyna sogghigna e lascia cadere l'asciugamano sul pavimento, poi comincia ad infilarsi nuovamente l'armatura. - Ma come, credevo che la nudità non potesse scalfire il tuo animo così maschio e cool.
- Piantala di dire scemenze. E' proprio perché è maschio che lo scalfisce. E comunque non possiamo fuggire nudi... anche se devo ammettere che sarebbe un notevole diversivo. Anzi, facciamo così: mentre tu distrai il nemico correndo per la città come mamma ti ha fatta io fuggirò nella direzione opposta, così avrai dato un senso alla tua inutile esistenza.
- Mi piace questa idea... - ansima Rowena, adorante.
Qualcuno bussa alla porta.
- Sei una vergogna per gli elfi neri, - lo schernisce Bajyna - un maschio che sacrifica una femmina per salvarsi la vita.
- Mmpf. Sarei solo un elfo nero più furbo della media. Se avessi voluto crepare per una stupida femmina non sarei fuggito da Undergroundia, non ti pare?
Qualcuno bussa più insistentemente alla porta.
- Fuggiamo insieme, mio dolce elfo tenebroso - mugola la succube - io sono molto più seducente di questa sciacquetta e grazie al mio aiuto potresti facilmente passare inosservato.
- Vuoi fare silenzio, per favore? - sbotta l'elfa, seccata - Stiamo cercando di decidere un piano d'azione, qui. Porta i tuoi feromoni e quel grosso culo demoniaco fuori da questa stanza.
Rowena spalanca gli occhi e si rivolge a Ferianthalas, puntando un dito accusatore contro Bajyna.
- Amore, vuoi davvero lasciare che questa femmina indecente mi tratti in questo modo?
- Urgh... Io a dire il vero spero che vi eliminiate a vicenda... - borbotta l'elfo, depresso.
- Cos'hai detto? - ringhia Bajyna - Ripetilo se hai il coraggio.
Qualcuno bussa di nuovo, questa volta con più violenza.
- È occupato, maledizione! - grida Ferianthalas, esasperato - Cercatevi un altro bagno.
- Aprite, in nome di sua immensità! - ruggisce una voce gutturale da fuori.
I tre sussultano. - Le guardie! - sibila Bajyna.
- Capperi, come sono educate, qui. Da noi avrebbero sfondato subito la porta... - nota Ferianthalas.
- Se avessero voluto essere educate l'avrebbero sfondata. Bussare qui è una mancanza di rispetto. - spiega Rowena con un ansito.
- Oh, già, dimenticavo.
In quel momento si ode qualcosa esplodere nella sala comune e un ruggito spaventoso risuona nell'aria. Un ruggito decisamente tigroso e familiare.
- Adesso! - grida Ferianthalas, aprendo la porta.
Una delle guardie è ferma davanti a lui e gli da' le spalle, impegnata a scrutare la grossa tigre zannuta che ha sfondato la porta d'ingresso della locanda masticando un arciere. Accanto ad essa c'è un tizio alto e magro, impaludato in una veste nera.
Ferianthalas estrae il pugnale dalla cintura e lo usa per disegnare un sorriso sghembo sulla gola dell'orco, che si accascia a terra, gorgogliando.
Un campo di forza scagliato con violenza imprime l'altro orco nella parete sopra il caminetto, come decorazione permanente, mentre il demone rimasto si guarda intorno, cercando una via di fuga. Poi, non trovandone, sgancia una spaventosa spada seghettata dalla tracolla sulla schiena e si mette a rotearla davanti a sé con maestria, ruggendo.
- Dobbiamo andare via di qui, la città è un formicaio impazzito. - urla DarkShield, muovendosi cautamente lungo la parete d'ingresso - Si può sapere cosa avete combinato?
- Colpa sua - dice Ferianthalas, indicando l'elfa dietro di sé - come al solito.
Bajyna sta prendendo fiato per replicare sfondando la barriera dei decibel consentiti dalla legge nei luoghi pubblici, quando Mohamet balza con uno spaventoso ruggito contro il demone. Questi svanisce in una vampata nera e ricompare di fronte a Ferianthalas, con la spada sollevata sopra la testa.
- È a spostamento di fase! - urla DarkShield, proiettando un campo di forza sopra la testa dell'elfo giusto un istante prima che la gigantesca arma si abbatta sul suo cranio scoperto. La lama si blocca con un suono assordante e Ferianthalas scatta in avanti, tenendosi basso. Con un unico movimento sguaina la spada e disegna un arco davanti a sé. Il demone scompare e ricompare in sbuffi di fumo nero, parando la tempesta di colpi dell'elfo e restituendo una pioggia di fendenti. I due combattono ad una velocità accecante, in un turbine di acciaio e scintille in cui gli arti dei due contendenti sono a malapena visibili.
All'improvviso il demone urla e il suo braccio destro cade a terra, la mano unghiuta ancora stretta intorno all'elsa della spada. Mentre quello crolla sulle ginocchia, incredulo, Ferianthalas ruota elegantemente su se stesso e con un movimento deciso gli recide la testa.
Nella sala cade il silenzio, poi Bajyna si fa avanti, osservando l'elfo con gli occhi sgranati e un lieve rossore sulle gote.
- Wow. Pensavo fossi una pippa con la spada... - sussurra, con la consueta buona educazione che gli elfi nobili riservano al resto del mondo.
- Ho detto che non mi piace usarla, non che non ne sono capace. - ringhia lui in risposta, poi si guarda intorno in cerca di Don Luciano.
Niente, il nano sembra svanito, e con lui la possibilità di restituire quell'imbarazzante cofanetto rosa. In compenso però una lucida testa calva e verdognola sbuca da dietro il bancone, oscillando come un budino andato a male. L'espressione di Ferianthalas si scurisce.
- Svelti, dobbiamo andare - dice DarkShield sbirciando fuori dalla porta - Arrivano altre guardie. Muovetevi a recuperare le nostre cose, io sigillerò l'ingresso della strada con un campo di forza, ma non potrò mantenerlo in eterno.
- Vieni, imbecille, dammi una mano - dice Bajyna iniziando a salire le scale. Quando nota che Ferianthalas è ancora concentrato sul bancone la giovane elfa solleva un sopracciglio. - Che c'è, vuoi farti un goccio? Sbrigati!
L'elfo socchiude gli occhi. - Vai avanti, io ho ordinato un'insalata di mare e mi è appena venuto un grande appetito.

Bajyna sale le scale e raggiunge la stanza, armeggia con la maniglia, poi si fruga disperatamente le tasche (e non chiedetemi dove le tenga, perché nonostante le insistenze l'elfa si è rifiutata di rivelarlo).
- Cerchi queste, sciacquetta? - dice Rowena da un punto dietro di lei, facendo ondeggiare languidamente le chiavi davanti al suo decolleté.
Bajyna si volta con uno scatto e si muove verso di lei allungando una mano.
- A-a-a - sogghigna la succube, facendo sparire le chiavi e sbattendo le lunghe ciglia - Perché dovrei dartele? Tu non mi piaci e sei evidentemente interessata al mio uomo...
- Dammi quelle chiavi - ringhia l'elfa.
- Altrimenti? Che fai?


Il polpo Golg solleva l'unico occhio sui suoi due avversari e socchiude la palpebra.
- Potete anche attaccarmi insieme se volete. Il risultato non cambierà, binoculi. Mi avete già sfasciato la locanda, ringraziate i vostri dei che sono un tipo onesto e che quindi non vi chiederò i danni.
- Un tipo onesto? - ansima Ferianthalas emergendo da i rottami di un tavolo in pezzi con un rivolo di sangue alla bocca - Ma se sei stato tu a chiamare le guardie...
- Ho fatto solo il mio dovere di bravo cittadino denunciando un pericoloso nucleo di terroristi - replica il polpo, facendo ondeggiare davanti a sé gli otto tentacoli armati di spada. - Non avete speranze contro di me, ero capitano nell'ultima guerra contro il Lato Chiaro. La mia tecnica segreta del Sushi Master non ha eguali. Vi trasformerò in filetto di imbecille la prossima volta che sarete così sciocchi da attaccrmi. Perciò prendete le vostre cose e fuori dalla mia locanda, prima che qualcuno si faccia male sul serio.
Ferita e ansimante, la tigre volta il muso verso Ferianthalas. - GROWL?
L'elfo scuote il capo, stringendo i pugni. - No, Mohamet. Per la Dea, non permetterò che questa nullità, letteralmente senza spina dorsale, si prenda gioco di noi e la passi liscia.
La tigre fa spallucce. - GROWL, GROWL...- sospira, poi domanda - GROWL?
- E io che ne so? Proviamo a prenderlo ai lati. Ha un occhio solo, non potrà seguirci entrambi.
- Poveri sciocchi - ride il polpo - ho un campo visivo di 180 gradi, mi basterà guardare fisso davanti a me. Preparatevi, perché state per assaggiare il mio terribile Takoyaki Hurricane...
Fuori in strada si odono urla concitate e ruggiti di frustrazione. Davanti alla porta, seduto al centro della via DarkShield è seduto nella posizione del loto, circondato da una massiccia aura magica.
- Volete muovervi? - grida - Cosa state combinando?
- Resisti - gli urla Ferianthalas digrignando i denti - abbiamo un polpo chiacchierone da sistemare, prima.
- Non c'è tempo. Lasciate perdere quel cefalopode ipersviluppato e muovetevi immediatamente! C'è mezzo esercito Imperiale, qua fuori!
- Sta' zitto e fai il tuo lavoro, mago della malora. - ringhia l'elfo, cocciuto - Ci metteremo solo un minuto...
Ferianthalas e Mohamet aggirano il bancone da entrambi i lati, tenendosi pronti a sfruttare qualsiasi apertura del nemico. Il polpo Golg rimane dove si trova, l'occhio fisso davanti a sé, le "spalle" al muro e i tentacoli che oscillano come cobra pronti a colpire.
All'improvviso s'ode uno strillo acuto e un fracasso assordante. Bajyna e Rowena rotolano dalle scale, avvinghiate in un titanico cat- fighting senza esclusione di colpi. La succube sta cercando di strangolare l'elfa con la coda, ma Bajyna sembra molto più agile ed elastica di lei e pare stia avendo la meglio nella lotta a terra. In pratica un groviglio di braccia, cosce e code e capelli tirati.
- Dammi quelle chiavi, sgualdrina! - rantola, cercando di raggiungere la mano chiusa a pugno della demonessa.
- No! Non ti lascerò andare via con il mio amore...
Ferianthalas e Mohamet spostano lo sguardo sul polpo e colgono l'involontario movimento della pupilla del loro avversario. Umanoide o no, vedere due donne che lottano sul pavimento fa sempre un certo effetto.
- Ora!
I due lo attaccano contemporaneamente e Golg reagisce con una frazione di ritardo. Ferianthalas schiva un fendente e recide di netto due tentacoli con un solo colpo, mentre Mohamet azzanna la testa viscida del taverniere traditore.
- GRowl... - uggiola, schifato.
- Non mi importa se è gommoso, usa quelle mascelle, maledizione - grida l'elfo, cercando di tagliare le altre braccia che si agitano come le pale di un frullatore. Una spada ferisce il druido al fianco, costringendolo a mollare la presa.
- Per la Dea, anche come tigre sei inutile... - rantola l'elfo. Un tentacolo si schianta sul suo volto, proiettandolo contro lo scaffale dei liquami ad alta gradazione alcolica. I vetri vanno in mille pezzi e Ferianthalas ricade sul pavimento sotto una pioggia di schifezze di dubbia natura.
- Bastardi! - grida Golg, con l'occhio iniettato di sangue - La mia collezione di liquami pregiati! Ve la farò pagare...
- Nessun... problema... - rantola l'elfo, ferito - ... fammi sapere... quanto ti devo.
Golg si lancia su di lui strillando e agitando le braccia rimaste. So che a voi lettori può sembrare una scena ridicola, ma vi assicuro che non potete neppure immaginare il terrore che può incutere un polpo ciclope infuriato che si lancia all'attacco strisciando sul pavimento.
Duramente colpito, Ferianthalas cerca di risollevarsi, ma i muscoli sembrano non volergli obbedire, la vista gli si è annebbiata e gli manca il fiato a causa del contraccolpo. Quattro spade si sollevano all'unisono, pronte a bere il sangue del nemico.
- Fermo! - un grido squarcia l'aria e rimbomba nella testa di tutti i maschi presenti. Il polpo s'immobilizza e sgrana l'occhio, incapace di disobbedire al proprio, tirannico cromosoma Y.
Ferianthalas impallidisce e scocca un'occhiata a Bajyna, ancora avvinghiata alla succube. L'elfa lo guarda con espressione impaurita. Sotto di lei Rowena ringhia e digrigna i denti, gli occhi incendiati da un rosso furore omicida. Il petto si alza e si abbassa come un mantice, i muscoli si gonfiano e si tendono. Di nuovo quel terribile effetto collaterale. Di nuovo il Berserk Isterico.
- Pessima mossa, oca giuliva... - mormora l'elfo, sfinito - ... pessima mossa.
- Tu... puttana! - ruggisce la succube liberandosi con forza inaudita dalla stretta dell'elfa e scagliandola violentemente contro le scale. Decisamente le donne reagiscono sempre molto male ai poteri di controllo di Bajyna.
Seppur ferito, Mohamet è ritornato rapidamente alla sua forma umana e ha raggiunto la porta in preda ad un allarmante senso d'inquietudine. In fondo al vicolo un'orda di Oscuri ruggisce e picchia furiosamente contro il campo di forza di DarkShield. Il mago sembra esausto, Ferianthalas è fuori combattimento e Bajyna ha inavvertitamente risvegliato l'odio naturale che tutte le femmine provano l'una per l'altra, moltiplicandolo per mille e scatenando una belva inarrestabile.
Che mai potrà fare un druido malmesso che, a quanto pare, nelle giungle meridionali ha fama di essere una specie di saggio?

1. La saggezza non si discute, se la situazione è disperata si scappa. Punto. Qualunque animale sano di mente lo farebbe. Se poi i suoi compagni saranno ancora vivi alla fine di questa brutta giornata potrà sempre cercare di liberarli usando i suoi poteri.

2. Trasformarsi in una zanzara potrebbe essere un'idea. Potrebbe volare di sopra, infilarsi nella toppa della porta, recuperare l'equipaggiamento e anche quelle due pozioni guaritrici stantie che aveva DarkShield da qualche parte. Ferianthalas sembra aver bisogno di cure. E di un arco...

3. Una cosa alla volta. Prima l'isterica, poi l'orda di Oscuri, in ordine di pericolosità. Con uno scatto Mohamet agguanta DarkShield, lo trascina dentro e poi sigilla la porta, sdraiandocisi contro in forma d'elefante. Non ridete, è un ottima idea!



"Quando avrò finito di studiare la Vera Morte mi dedicherò all'analisi di un altro fenomeno altrettanto raro ed ineffabile."
- Ad esempio?
- L'amicizia tra donne.
- Mpf. Buona fortuna, allora..."

DarkShield e Ferianthalas durante una pausa




Se volete leggere la puntata precedente la trovate QUI

6 commenti:

  1. ahahah meravilllllioso!
    sempre sottile, sempre ironico, bel flash forward.
    ma il cat fighting e il takoyaki hurricane sono il top!
    :-)
    me medesimo, ovvero mohamet al, vuole fare l'elefante!!!!!!! *0*////

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! E' proprio destino che il tuo personaggio se ne esca con idee del genere! ;)

      Elimina
  2. ahahahah, adoro il pezzo "ho detto che non mi piace usare la spada, non che non so farlo!" buahahahaha, fantastico.... bello ed epico il tutto!!! naturalmente voto 3, dopo il capodoglio voglio l'elefante, in pieno stile Magse "il folle" :D

    RispondiElimina
  3. Bellissimo, un + al Berserk Isterico.
    Mi unisco alla folla e voto 3!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo episodio! Ovviamente mi schiero anche io per la 3

    RispondiElimina
  5. FFFFFANTASTICO!! Mhuahahahahhahahaha
    Io dico 2! :D

    RispondiElimina

Leali sudditi!
I commenti alla bacheca Reale sono assolutamente liberi, ma il Re ha ordinato espressamente che, qualora il o gli imbecilli di turno dovessero affiggere commenti inutili o lesivi dell'onore della corona, essi verranno immantinente rimossi insieme alla a testa del o degli autori, che in ogni caso non sentiranno molto la mancanza di un organo che non hanno mai utilizzato.

Con velenosa franchezza,

Archibald Lecter, segretario particolare del Re